La nostra storia

Origini e primi successi
1980
_

Le origini di Smigroup risalgono alla metà degli anni ’70, quando Luigi Nava apre l’omonima officina meccanica a San Pellegrino Terme (Bergamo). Oltre al fondatore, a questa piccola impresa artigiana si dedicano anche i quattro figli maschi, che entrano in azienda al raggiungimento della maggiore età. Inizialmente l’attività dell’officina è costituita da lavorazioni meccaniche per conto terzi, alle quali si aggiunge successivamente la manutenzione di macchinari ed impianti impiegati nelle linee di imbottigliamento ed imballaggio delle bevande. La passione per catene ed ingranaggi e l’intraprendenza tipica dei giovani spingono i fratelli Nava, sotto l’occhio vigile del padre, a puntare ad un traguardo ancor più ambizioso: realizzare una macchina di imballaggio caratterizzata da soluzioni innovative e ampia flessibilità operativa, il cui prototipo viene realizzato alla metà degli anni ’80.

1987
_

La prima confezionatrice a lancio di film (detta “fardellatrice”) vede la luce: nasce così la serie APET, che riscuote da subito una buona accoglienza sul mercato. Nello stesso anno accanto all’officina meccanica “F.lli Nava” nasce SMI (Sistemi Macchine e Impianti) Srl.

1989
_

SMI presenta ufficialmente le sue fardellatrici alla fiera internazionale “SIMEI” di Milano. Nello stesso anno l’azienda realizza anche la prima confezionatrice in fascette di cartoncino avvolgente della serie MTB (poi MP), che raggiunge la velocità di 100 pacchi/minuto.

Forte sviluppo e diversificazione prodotti
1990
_

L’organico dell’azienda passa da 4 a 11 dipendenti, per raddoppiare poi nell’anno successivo.

1991
_

SMI presenta la serie ABAS di confezionatrici a barra saldante.

1993
_

La produzione passa dalle 7 macchine del 1990 a più di 50 nel 1993, tra cui le nuove fardellatrici a velocità medio-bassa della serie AF e le nuove manigliatrici della serie MAB.

1994
_

È l’anno della grande svolta: SMI Srl si trasferisce a San Giovanni Bianco (BG) in un moderno complesso industriale di 7.600mq (che negli anni diventeranno 65.000mq), che permette un considerevole aumento della capacità produttiva. L’anno è infatti caratterizzato da una produzione che supera le 100 unità e vede l’impiego di 90 dipendenti.

1995
_

Avviene la trasformazione da S.r.l. in S.p.A. e la neonata società per azioni chiude l’anno con un fatturato di 23 miliardi di lire (pari a 12,8 milioni di euro).

1996
_

SMI lancia la nuova linea di cartonatrici wrap-around della serie WRAP (poi WP).
Ha inizio il processo di internazionalizzazione di SMI: viene aperto infatti il primo ufficio di rappresentanza in Malesia, e l’anno successivo apre l’ufficio di Città del Messico.

1997
_

Viene costituita SMIPACK S.r.l., società controllata da SMI, per la produzione di confezionatrici angolari a campana e fardellatrici a barra saldante.
Nello stesso anno SMI lancia la nuova linea di fardellatrici hi-tech ad alta velocità (fino a 360 pacchi/minto) della serie SK, che introducono in anteprima mondiale il cablaggio macchina in fibra ottica e l’interfaccia operatore user-friendly POSYC.

1998
_

SMI avvia il progetto Smiline, una divisione interna creata per la produzione di nastri trasportatori e sistemi di logistica di linea.

1999
_

SMI fonda Smiform, unità specializzata nella produzione di stiro-soffiatrici rotative per produrre contenitori in PET. Lo stesso anno nasce anche Smimec, che realizza stampi per stiro-soffiatrici, parti meccaniche e i telai delle macchine.

Internazionalizzazione e ricerca avanzata
2000
_

Vengono installati i primi modelli a 6 e 8 stampi (in grado di produrre fino a 12.800 bottiglie/ora) delle nuove stiro-soffiatrici rotative della serie SR.
La creazione di proprie strutture all’estero per fornire assistenza tecnica e commerciale è il fattore predominante del periodo tra la fine degli anni ’90 ed i primi anni Duemila, quando in rapida successione vengono inaugurate le filiali SMI USA (Stati Uniti), SMICentroamericana (Messico), SMI Do Brasil (Brasile), OOO SMI Russia (Russia), SMI Romania (Romania), SMI Polska (Polonia) SMI Pacifica (Australia) e gli uffici di rappresentanza in Cina (Nanjing e Guangzhou), Francia, Regno Unito e Malesia.
Il successo mondiale di SMI è il risultato dell’accurato studio dei singoli mercati, degli aspetti socio-economici di ogni area e dell’analisi tempestiva delle specifiche esigenze della clientela locale.

2002
_

SMI produce in un anno ben 319 macchine d’imballaggio, segnando un record storico che la pone ai vertici del settore di riferimento. La divisione Smiform lancia inoltre stiro-soffiatrici più potenti e veloci con modelli a 10, 12 e 14 stampi, capaci di produzioni fino a 22.400 bottiglie/ora.

2003
_

SMIPACK produce oltre 2.000 confezionatrici a campana e si avvia a diventare uno dei maggiori costruttori di queste macchine a livello internazionale. Sempre nel 2003 SMI, attraverso la neo-costituita SMIWRAP, rileva la proprietà e la gestione delle Cartiere Cima, storica azienda bergamasca che da oltre 100 anni produce un’ampia gamma di carte alimentari.

2006
_

È un anno di estrema importanza per SMI: viene consegnata la fardellatrice n. 3.000 e contemporaneamente entra in funzione la prima stiro-soffiatrice a 20 stampi, la SR 20.

2008
_

SMI lancia il progetto SMILAB, il nuovo polo tecnologico di Smigroup le cui attività sono distribuite in tre laboratori: “Laboratorio Ricerca & Innovazione”, “Laboratorio Formazione” e “Laboratorio Servizi alle Imprese”. Tutte le attività di SMILAB mirano a soluzioni innovative e sostenibili in ambito industriale, energetico e socio-culturale, con particolare riguardo alle tecnologie emergenti (come le nanotecnologie).

2009
_

SMI apre la divisione Smipal e lancia sul mercato i nuovi sistemi automatici di palettizzazione della serie APS, presentati in anteprima mondiale alla fiera Drinktec di Monaco di Baviera.

Linee complete e risparmio energetico
2010
_

La gamma prodotti della divisione Smiform si arricchisce dei sistemi integrati ECOBLOC®, che raggruppano in una sola macchina le funzioni di stiro-soffiaggio, riempimento e tappatura.

2011
_

SMI installa presso la Fonte Stella Alpina una linea completa di imbottigliamento d’acqua da 14.400 bottiglie/ora denominata SACS (Stella Alpina Cost Saving), che si contraddistingue per tecnologia d’avanguardia, dimensioni compatte, consumi energetici ridotti e alta efficienza operativa.

2012
_

SMI festeggia il 25° anno di attività con lo slogan “constantly innovating the packaging industry since 1987”.

2013
_

Alla fiera Drinktec di Monaco di Baviera, SMI presenta il nuovo sistema compatto di fine linea PACKBLOC, che integra in una sola struttura le funzioni di imballaggio secondario e palettizzazione. Il modello esposto include anche un braccio a tecnologia SCARA che esegue le operazioni di movimentazione palette vuote e inserimento interfalde tra gli strati.

2014
_

Nel mese di aprile il personale SMI si trasferisce nel nuovo quartiere generale del Gruppo, che ospita uffici e reparti di produzione su una superficie complessiva di 65.000 mq. Il nuovo insediamento, frutto della ristrutturazione degli storici opifici delle ex-Cartiere Cima, è dotato di moderni impianti di generazione di energia elettrica da fonti rinnovabili come l'acqua e il sole.

2015
_

SMI lancia la nuova serie ERGON di fardellatrici SK, introducendo sul mercato una gamma di confezionatrici di nuova concezione che integra tecnologia avanzata e design ergonomico.

2016
_

Alla fiera K di Düsseldorf SMI presenta la nuova serie EBS ERGON di stiro-soffiatrici rotative completamente elettroniche, dotate di un nuovo modulo di riscaldamento preforme ad alta efficienza energetica e di aste di stiro motorizzate.